Sente male. Dove? Sulla vulva.

Il sintomo che viene descritto é di bruciore, quindi ricorda un’abrasione, oppure come la sensazione di sentire degli spilli/delle scosse provenienti dall’area genitale.

Come condizione può essere più o meno invalidante.

Può trattarsi di dolore vero e proprio, ed essere costante (accompagnando la donna in ogni sua attività come dormire, mangiare, andare a lavoro), oppure intermittente (alternare momenti di dolore a momenti di assenza di dolore).

Che problematiche comporta la vulvodinia?

Le donne possono riferire difficoltà a stare sedute, impossibilità ad avere rapporti, sensazione di fastidio indossando un paio di slip o di collant, i jeans neanche a parlarne.

Attività come andare in bici, o a cavallo sono impensabili, talvolta anche camminare diventa fastidioso.

Spesso questa sintomatologia viene accompagnata da cistiti e candide ricorrenti.

Questa condizione non sempre viene diagnosticata subito e spesso viene confusa con altre patologie.

Una patologia molto invalidante e non ancora conosciuta

Le cause sono estremamente variabili, e multifattoriali.

Ma la cosa su cui vorrei soffermarmi non sono tanto queste informazioni (reperibili su libri di testo o siti affidabili) ma sensibilizzare e informare su una patologia molto invalidante ancora non conosciuta.

Succede troppo spesso che la donna passi di medico in medico, senza avere risposte, senza avere cure appropriate, lei sente male ma nessuno sa spiegarle il motivo.

Sono pazze queste donne? No, non siete pazze.

Il dolore c’è e si tratta di dolore neuropatico.

Perché è un dolore nascosto? Perché se é tanto facile dire “ho mal di testa“, non lo è altrettanto dire: “ho male lì” oppure: “non riesco ad avere rapporti“.


Per maggiori informazioni

Contattare Center Terapy, Via Silvio Pellico, 3 – Castel d’Azzano (Verona)

  • Telefonicamente allo 0459-236899
  • Via mail scrivendo a center.terapy@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *